Roberto Deaddis

Poche righe di quarantena ep. #1 (gli scatti dimenticati)

date » 28-03-2020 16:06

share » social

tags » fotografia, città, Sassari, quarantena, Roberto Deaddis, street,

Questa è la prima parte di una serie di scatti lasciati in disparte e recuperati in questi giorni di riflessione e attesa.
Sono stati realizzati in giornate di quotidianità mentre si rientrava dal lavoro o da semplici commissioni.
Riprendono una quotidianità passata, data per scontata, che oggi non può che essere rivalutata ed apprezzata.
Così basta alzare la testa, o recuperare uno scatto prima messo in disparte, per riguardare la città con nuovi occhi.
Basta guardare la foto di una piazza gremita di bambini giocare a calcio per risentire quelle voci, le pallonate sulle pareti e le lamentele di qualche passante.
Queste foto di paesaggio urbano oggi hanno un enorme valore personale.
Sono un aiuto ad apprezzare le semplici cose, un invito a continuare a viaggiare anche se da casa.

Sassari: Cassetta delle lettere.Sassari: Struttura inutilizzata sopra il nuovo mercato civico. Il giorno dopo aver scattato questa foto ricordo un fatto di cronaca che ha avuto questo luogo come scenario. Fu salvata la vita a un tossico dipendente che aveva scelto questo angolo per accasciarsi.Sassari: Piazzale sopra il nuovo mercato civico.Sassari: Angolo tra Corso Vittorio Emanuele e Piazza Mazzotti. Dettaglio di un palazzo in mattoni rossi.Sassari: Piazza Duomo. Come nella precedente foto la piazza diventa il campetto di quartiere dei bambini che vivono nel centro storico.Sassari: Piazza Tola è uno dei gioielli della città. Recuperata dopo anni di degrado, nelle belle giornate si affolla non solo degli avventori dei locali che in questa piazza si affacciano ma si popola anche dei bambini del centro storico che trasformano la piazza in un piccolo campetto di quartiere.

Link
https://www.robertodeaddis.it/poche_righe_di_quarantena_ep_1_gli_scatti_dimenticati-d10140

Share link on
CLOSE
loading